On Hiatus

Vita breve per il mio blog…a causa di alcuni impegni lavorativi/personali non previsti (si vabè dicono tutti così) mi trovo costretto a sospendere i già rari post su questo blog fino a tempo indeterminato. Dalla visualizzazione delle statistiche non mi pare che il blog fosse molto seguito ma non era questo da principio il mio obiettivo: ovviamente alle persone che però trovavano (inspiegabilmente per me) gradevole leggere i miei deliri da nerd, chiedo scusa !

Giusto un appunto: non sto cancellando definitivamente il blog, quindi questo potrebbe anche essere un arrivederci…vedremo in futuro.

E’ tutto (per ora). Grazie !

Giappone 2015, acquisti vari

E così sono tornato dal Giappone…ma quanto ci sarebbe da scrivere a riguardo ? Sicuramente tanto, perchè le differenze con l’Italia sono tante, troppe. Però questo è un blog su fumetti, videogiochi e simili, per cui mi limiterò a scrivere dei miei acquisti in tali campi.

Vorrei premettere una cosa: One Piece è ovunque. Sono stato a Shirakawago, un tranquillo villaggio circondato da natura e montagne, solo e solamente natura e montagne.

nella foto, una tipica Gassho Zukuri !
nella foto, una tipica Gassho Zukuri !

Ovviamente quale meta turistica, è invaso da turisti e quindi, anche sulle alpi Giapponesi, ho trovato i mitici gadget/portachiavi di OP che sono stati creati per ogni provincia del Giappone. Cosa sono ? Praticamente piccoli ciondoli con i personaggi di OP con elementi tipici del posto dove vengono venduti. Per dirvi, quelli di Shirakawago sono diversi da quelli di Miyajima, etc.

E fin qui, ok. Ma mai mi sarei aspettato di entrare in una gassho-zukuri tradizionale e trovare le action figures di OP.

Shock !!!

Non ho fotografato perchè stavo finendo la memoria della digitale. Ma è stato veramente epico

Comunque, dicevamo, OP è sicuramente il manga che produce più merchandise di tutti, ed annichilisce ogni concorrente. Subito dopo penso venga Haikyu!!, e poi tanti altri come Kuroko no Basket, Gintama, Naruto etc.

Ovviamente esiste tutto un filone di gadget che riguardano ragazze, ragazzine e ragazzette in pose discinte e non, ce ne sono veramente a quintali, a testimoniare che i gusti di una volta sono fondamentalmente cambiati (magari ci dedicherò un post).

E poi gli onnipresenti Gunpla, che veramente è roba da sbatterci la testa per quanti modelli ci sono in giro.

SAM_1095 SAM_1096   SAM_1097

ACQUISTI
Prima di tutto, la Figuarts Zero di Aizen Sousuke in versione “Hogyoku”. La cercavo da tempo, e subito ad Akihabara l’ho trovata, ma essendo abbastanza vecchiotta i prezzi proposti erano altini (4000 yen, per dire). Poi un giorno, a Kawagoe, questo paese molto bello che ho visitato, ho trovato un negozio di videogiochi/fumetti e l’ho trovato a 2.400 yen. PRESA !!!

IMG_20150607_092329

Altri piccoli gashapon e candy figure: i modellini super deformed dei Q-Transformers (nello specifico ho preso Nemesis Prime), Soi-Fon sempre da Bleach, un piccolo pupazzetto preso in un Ghibli Shop sempre a Kawagoe raffigurante il Castello Errante di Howl, un portachiavi da un distributore di Shishio da Rurouni Kenshin (sono stato fortunato, quello volevo) e poi il Gipsy Danger dalla serie 2 delle mini-figures di Pacific Rim della Kayodo, sempre da un distributore.

IMG_20150607_081158

I Jump Shop sono dei negozi ufficiali Shonen Jump che, appunto, vendono solo roba Jump. Sono piccolini ma molto belli, e soprattutto i gadget (figures a parte) che si trovano all’interno sembrano essere “specifici”, nel senso che li potete trovare solo li (tipo la vera Coca Cola in vetro di Franky da One Piece). Sono stato a due Jump Shop, il primo nella stazione di Tokyo ed il secondo nel centro commerciale Yodobashi ad Osaka, il bottino di guerra è stato: 2 poster di Bleach (uno piccolo ed uno grande che non ho ancora aperto ad oggi), due cartelline di Toriko (che ho adibito a poster) ed un poster piccolo della cover del vol. 51 di OP raffigurante le Supernove (ho sempre amato quell’illustrazione e sono stato molto contento di questo acquisto).

IMG_20150607_082655

Ultimo, ma non per importanza, passiamo ai manga…”perchè, sai leggere il Giapponese ?” mi vorreste domandare, vero ? No, non conosco una parola. Ed allora perchè hai comprato dei manga ? Perchè per un’appassionato come me entrare in una fumetteria Giapponese ed uscire senza aver preso niente provocava l’orticaria…

IMG_20150607_091947

Weekly Shonen Jump n°25 – Numero che vede il debuto di Lady Justice…bah, chissenefrega, la cosa che mi ha dispiaciuto è che Bleach era al penultimo posto 😦

Einstein 1901 vol.1 – Ho preso questo manga perchè la cover del vol.2 mi ha incuriosito. Non ho ben capito, ma pare che ruoti attorno alla figura di Einstein (ma va ?) e di una sorta di poliziotto con una katana che combattono contro una ragazzina, un uomo lupo metà bianco e metà nero, un vampiro dandy ed un uomo corazzato con armi pesanti. Buoni i disegni, c’era abbastanza azione per essere il primo volume.

Burning Hell – Conoscente Shin Angyo Onshi pubblicato in Italia con il nome di The Blade of the Phantom Master ? No ? Ahia…rimediate. Comunque lo stesso due di autori (il cui disegnatore è quello famoso di Area D, Defense Devil, March Story) ha anche fatto uscire questo volume unico, contenente due storie, una più vecchia che da il nome appunto al tomo, Burning Hell, e l’altra chiamata Kami no Kami, più recente. Partendo dal fatto che la seconda storia non ci ho capito niente perchè sembra più complessa, è la prima che ha attirato la mia attenzione. Praticamente due tizi su un’isola deserta si combattono fino alla morte: uno sembra un barbaro dotato di forza sovrumana, l’altro è più elegante e pare dotato dell’abilità di scuoiare con la spada i propri nemici, lasciandoli in vita (?). Boh. E mentre sti due cercano di ammazzarsi, alcuni pirati sbarcano sull’isola, allora i due si alleano e combattono in un mix di lotta violentissima e ahhhhhhhhhh…sto manga sembra troppo bello. Se ci fosse una serie la comprerei di sicuro !

Kengan Ashura vol.10 e 12 – Ed eccoci arrivati al manga che ha più di tutti attratto la mia attenzione in Giappone. Lo sfondo e la storia sono quanto più semplici possibili: gente che si picchia ed un torneo di arti marziali. Ma, cari giovani, i disegni sono fenomenali e la resa degli scontri fantastica.

viuuuuuulenza (cit.)
viuuuuuulenza (cit.)

Nel vol.10 che ho preso, c’è uno scontro tra un lottatore di sumo ed uno di wrestling che dura un intero volume e, fidatevi, è stata una goduria anche solo sfogliarlo. Mi ricorda quando alla mia età, da ragazzini, ci si emozionava a guardare i film con Van Damme tipo Lionheart, Senza esclusione di colpi, Kickboxer, con il torneo, i personaggi diversi per stile e tante ma tante mazzate. Da avere assolutamente in Italia al più presto !

E con questo ho concluso…appena lo porto a termine, linkerò su questo blog anche un piccolo resoconto sulle sale giochi visitate in Giappone, perciò stay tuned !

Fumetteria: 13 Giugno 2015

IMG_20150613_091329Eh si, rieccomi.

A poco più di un mese dall’ultimo post e con un viaggio in Giappone fatto (a breve posterò qualcosa a riguardo), ecco telegraficamente gli acquisti di oggi, ovvero: Toriko vol.22, One Piece vol.75, The Seven Deadly Sins vol.9, Bleach vol.65, Area D vol.9 e il tanto atteso Shin Mazinger Zero vs Il Generale Oscuro vol.1.

Vado di fretta perchè vorrei concentrarmi su un post relativo ai miei acquisti in Giappone e contemporaneamente descrivere la situazione da un punto di vista “fumetti” li.

Stay tuned, quindi !

Fumetteria: 09 Maggio 2015

acquisti

Doppio appuntamento in fumetteria questa settimana, una bella scorta prima della partenza. Quale partenza, dite ? Sarò in Giappone dal 12 Maggio al 6 Giugno !!! Non ho idea se riuscirò ad aggiornare il blog durante la vacanza, ma poiché le tappe sono tante non penso proprio.

Detto questo, passiamo agli acquisti.

In casa Panini, abbiamo L’Attacco dei Giganti 15 e Biorg Trinity 4, il volume unico di Kentaro “maquandodiamineterminiBerserkmaledetto” Miura Gigantomachia (in edizione standard, è presente anche una artist edition groooooossa), il primo numero di questa nuova serie shonen Siegfried – Il Canto dei Nibelunghi e, per i comics, un volume quasi interamente disegnato da Joe Madureira sugli Inumani intitolato appunto Inumano.

In casa Star Comics, Fairy Tail 42 e The Seven Deadly Sins 8 più il volume unico, anche qui in versione standard ma acquistabile anche in Perfect Edition a 15 euri con formato appunto perfect e tre gadget, di Jaco – The Galactic Patrolma, del sig. Akira Toriyama, contenente anche una sorta di prequel collegato a Dragon Ball.

Detto questo, dopo la lettura di Hellsing (di cui proporrò recensione), mi sono accorto che nonostante tutto, le serie troppo lunghe per quanto belle e corrispondenti ai miei gusti, stanno iniziando un po’ ad annoiarmi. Si può racchiudere una storia ben scritta e disegnata anche in 10-15 volumi, e senza millemila personaggi scialbi e poco carismatici.

Al momento, nella mia wishlist ci sono tre titoli, ma ne riparleremo a breve !

Avengers – Age of Ultron

4173729-avengers-age-of-ultron-logo-credit-couchjockeyz-com

Non sono mai stato fan dei film Marvel…anzi, non sono mai stato fan dei film sui supereroi. Per dirvi, della fase uno del Marvel Cinematic Universe non avevo visto nemmeno un film e di quelli Fox e similari giusto qualche Spiderman.

Inoltre il mio rapporto coi comics Americani Marvel non è propriamente da fan stretto, conosco molti personaggi ed intrecci, ma non seguo nessuna serie in particolare.

Ecco perchè, quando qualche anno fa un amico mi chiese di accompagnarlo a vedere Thor – The Dark World ero altamente titubante. Non avevo visto il primo, e non avevo molta voglia. Ma alla fine fui convinto e, tutto sommato, uscii dal cinema abbastanza soddisfatto della visione.

Ecco che quindi mi interessai a questo universo nuovo dove i supereroi Marvel non cercavano di seguire alla lettera i comics originali, ma avevano una genesi ed uno sviluppo indipendente, nonostante alcuni legami evidenti con la matrice cartacea iniziale. Fu questa sorta di indipendenza che mi convinse a recuperare la visione dei primi Thor ed Avengers e successivamente, per la fase due, a vedere Guardiani della Galassia e questo Avengers – Age of Ultron.

Avengers – AOU è stato un bel film, Joss Whedon è un regista capace e sa come far lavorare i suoi personaggi, e quindi è difficile rimanere delusi dal suddetto film. Ma è anche difficile rimanerne totalmente esterrefatti, come per il primo Avengers. Inoltre, per aspettarsi un film tutta azione, ci sono una buona dose di momenti introspettivi. Ovviamente, quando c’è da tirare cartoni in faggggia, martellate, sparare raggi laser, frecce e proiettili assortiti, il film fa il suo maledetto dovere, ed inoltre Ultron offre una buona sfida, nonostante altri cattivi si siano comportati decisamente meglio.

Detto questo, il film è sicuramente da vedere (a mio avviso) se siete fan Marvel ed anche se volete passare qualche ora piacevolmente intrattenuti da un film.

k6n01llgxerin9fvtgu0

Ah, a causa della scena Hulkbuster vs Hulk, si consiglia la visione del film muniti di un ricambio di biancheria intima !

Comicon 2015

Data l’esperienza dello scorso anno, in cui non riuscivo a camminare e venivo sollevato in aria dalla folla eccessiva, mi ero ripromesso, causa anche altri impegni, di non andare al Comicon 2015. Caso vuole che, oltre a numerosi amici che mi hanno chiesto di presenziare, un giorno prima il proprietario della mia fumetteria mi chiama, e praticamente mi regala un biglietto per il Comicon. Che si fa a sto punto ? Il karma ha forse qualche progetto per me ma vuole in sacrificio i miei piedi: per cui, anche se un po’ titubante, decido di andare. Col senno di poi, è stata la scelta giusta. Ma andiamo con calma.

Arrivo senza particolari problemi, incontro il mio amico che per privacy chiamerò Mass*mo, un 20 minuti di fila anche abbastanza “disciplinata” e si entra: noto da subito che sebbene la disposizione dei vari stand sia simile, ci si muove meglio e c’è più respiro. Nei padiglioni degli editori ufficiali riesco a fare un bel giro e parlare anche con un addetto JPOP, che mi dice, anche se non so con quanta ufficialità, che il volume 3 di Drifters dovrebbe uscire per Lucca, e che purtroppo non è una serie che vende tantissimo !

Ci si dirige verso lo stand Panini, bello grande ma in posizione diversa rispetto agli anni scorsi, quello Star Comics (con razzia di segnalibri gratis annessa) e via verso la parte riservata agli stand privati e gadget !

Ovvero l’inferno !

Qui c’è più ressa, si respira peggio e regna la confusione ma, rispetto agli anni scorsi, anche qui si nota un miglioramento. O c’è meno gente, o è stata studiata una distribuzione degli stand “caldi” più logica, in maniera da evitare ingorghi.

Poi si ritorna indietro, per un semplice motivo: c’è la conferenza Planet Manga !

IMG_20150503_120127Incontro anche un caro amico di Roma, con cui non ci si vedeva da anni, e tale incontro sarà il punto di svolta dell’intero Comicon. Di fatto, insieme commentiamo i (pochi) annunci fatti e via, verso il finale, dove viene annunciato questo manga di cui pare che tutti ne aspettassero la pubblicazione tranne io. La presentatrice inizia a far partire uno spiegone pazzesco ed io chiedo al mio amico infervorato di spiegarmi brevemente solo chi fosse la tizia con la katana sulla cover. Ed allora parte il controspiegone opposto a quello ufficiale della presentazione Panini. Bene, sono incuriosito, saluto tutti e vado via.

Si continua con un giro completo, altro giro completo, pausa pranzo e poi, con tutto a mente, gli acquisti. Non avevo nessun desiderio, ma alla fine mi sono preso tutta la serie di Hellsing di Kouta Hirano della JPOP (10 volumi) ! IMG_20150504_094837 Saluti ad altri amici, soddisfazione per la piacevole giornata e via, a casa.

 Potrebbe essere la fine, ma tornato a casa mi metto comodo e, davanti al PC ricerco un po’ di immagini sul manga fresco di annunci della Panini: PERLAMISERIA !!! Una marea di personaggi, una certa dose di violenza, armi a gogo, armature…cioè ma lo compro sicuro, sto AKAME GA KILL !

A seguire, qualche foto:

IMG_20150503_113918IMG_20150503_113945IMG_20150503_142135IMG_20150503_113719IMG_20150503_115330IMG_20150503_134750

IMG_20150503_114343IMG_20150503_134750

IMG_20150503_130739IMG_20150503_130748

IMG_20150503_135151IMG_20150503_135200

IMG-20150430-WA0000 IMG-20150430-WA0001

Drifters vol.1-2 (Fumetteria: 22 Aprile 2014)

img_20150422

Rispetto alla data di acquisto, ho tardato un po’ a creare questo post, perché volevo dirvi la mia sui primi due volumi di DRIFTERS, del mangaka Kohta Hirano, già autore di HELLSING di cui si è parlato discretamente bene in Italia.

Quindi mi sono dato alla lettura di questo manga ed il parere finale, per i miei standard e gusti, è stato POSITIVO.

Partiamo dalla fine: l’ultimo volume di questo manga è stato pubblicato in Italia penso nel 2012, e nel frattempo in Giappone sono arrivati a quattro. La JPOP dovrebbe muoversi a far uscire almeno un volume in questo 2015, altrimenti potrei arrabbiarmi seriamente. Ma perché una serie tanto vecchia ha attirato solo ora la mia attenzione ? In effetti già notai Drifters all’uscita, e sebbene potesse essere potenzialmente un manga consono ai miei gusti, decisi di lasciarlo li sullo scaffale per un mix di <<mancanza di spazio>> e <<periodicità ballerina>>. Ora entrambe le cose non si sono risolte mica eh, siamo chiari, ma che dire, è semplicemente arrivato il suo momento.

La trama di Drifters: personaggi famosi della storia, di varie epoche, vengono catapultati (tramite due individui misteriosi) in un mondo fantasy popolato da umani, elfi ed altre razze. Tali personaggi si dividono in “Drifters”, i buoni, ed “Ends”, i cattivi. A coadiuvare i Drifters ci sono dei maghi, a coadiuvare gli Ends il loro capo, il Re Nero. Quindi sostanzialmente abbiamo una sorta di battle royale che vede “umani vs altre razze vs drifters vs ends”. Punto.

La semplicità della storia è anche il punto di forza della stessa: Hirano può attingere ad una serie di personaggi intriganti e plasmarli ai fini della sua opera, ed il mondo da lui creato come campo di battaglia sembra solido. Gli spunti che può offrire un’opera del genere sono talmente vasti da farmi venire l’acquolina in bocca, ed il solo fatto di poter vedere scontri tra Hijikata della Shingengumi ed il pistolero Butch Cassidy…beh, a me piace un casino. E’ come se Hirano mi avesse accontentato quando da piccolo, mentre giocavo in sala a World Heroes della ADK, pensavo a quali personaggi avrei inserito.

Le tavole di Hirano sono cupe, violente, dinamiche ed enormi. Gli scontri sono resi bene e le armi usate per ora sono tante e variegate. L’edizione, con le varie note a fine volume e la traduzione delle sottocopertine “versione demenziale” è ottima, forse però nel formato usato qualche tavola viene tagliata ma dovrei controllare gli originali.

Adoro questo manga, nel leggerlo ho assaporato quella sorta di divertimento genuino che ti sale quando stai facendo qualcosa che ti piace per davvero, e speri vivamente finisca il più tardi possibile. Ma due volumi sono volati velocemente anche se, e non capitava da non ricordo quando, me li andrò a rileggere subito di nuovo.

p.s. ho comprato anche Terra Formars 8 ma, sinceramente, è passato un attimo in secondo piano !